La verità processuale e la verità dei fatti. Accettare la prima, ma allo stesso tempo chiedersi se coincide con la seconda. Un battaglia interiore, silenziosa e lunga 17 anni, affrontata da un padre impotente davanti alla morte della sua figlia maggiore. Un dubbio che ora Maurizio Piovanelli ha deciso di cancellare. O almeno ci prova. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Alla Magliana un omicidio da professionisti: si rischia una faida tra gruppi criminali

prev
Articolo Successivo

Berlino criminale. Altro che fiction: le mani dei clan arabi sulla città

next