“Ho saputo della morte di Fausto Coppi quella mattina stessa del 2 gennaio 1960. Mi chiamarono da Novi Ligure, dove da ragazzo ero stato a lungo nel pensionato di Biagio Cavanna, l’allenatore e massaggiatore di Costante Girardengo e di Coppi, e avevo ancora tanti amici. Mi dissero soltanto che era morto”. Giuseppe “Pino” Favero, 87 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Venne a trovarci Oliver Stone e Fellini disse: ma chi è questo?”

prev
Articolo Successivo

La battaglia della Co2. Taglio del 37,5% entro il 2030

next