“Lo schiaffone da Grillo, il bluff a carte con la Carrà e quando dormivo in auto”

Trent’anni di televisione come presentatore: “Detesto i programmi da lacrime”
“Lo schiaffone da Grillo, il bluff a carte con la Carrà e quando dormivo in auto”

Se ci riesce plana sui problemi, altrimenti li scansa. Alla televisione del pianto (“per me pornografia”) preferisce la leggerezza, identificata come stile e compagna di vita. Quando parla quasi sempre sorride, e la sua risata si riconosce, poi gioca con i capelli, fissa negli occhi, non gli interessa apparire meglio o diverso. Va bene così. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.