“Ma come, vai su Maurizio Martina, senza chiedere niente in cambio, senza nemmeno provare a condizionarlo?”. Matteo Renzi si è rivolto più o meno così all’amico, al fratello, al braccio destro di sempre, Luca Lotti. Perché proprio lui, alla fine, l’ha lasciato plasticamente da solo, portando tutti i membri della corrente che ha costruito in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’altro “partito del Pil”, Merletti s’allea con tutti

prev
Articolo Successivo

Il “cardellino” Matteo che si crede Gesù

next