Distratti, incuranti, con la curva dell’attenzione che fa lo slalom in alta montagna: C’è qui qualcosa che ti riguarda, nome che Patrizia Laquidara ha deciso di dare al suo ultimo disco, sembra essere un richiamo all’attenzione, alla necessità di riappropriarsi della responsabilità, invece di scrollarsela via come goccioline di pioggia fina. “Volevo un titolo diretto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cinepanettone dei bei tempi: si scrive 2018, si legge 2005

prev
Articolo Successivo

“Sono uno fuori dal gregge. E vedo il sesso dappertutto”

next