Nel centro di Roma, appeso su una porta del liceo Virgilio, ha resistito per una settimana di occupazione il cartello: “In direzione ostinata e contraria”. Gli studenti hanno scelto Fabrizio De Andrè per sintetizzare la protesta contro il governo gialloverde finita ieri con lo sgombero della polizia alle 7 del mattino. La loro mobilitazione è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Siamo studenti, vogliamo la luna”

prev
Articolo Successivo

Gialloverdi senza avversari: meglio mischiare le squadre

next