Dice il vicepremier Luigi Di Maio che “lo spread è a 327 perché i mercati pensano che il governo non sia più compatto”. E non devono essere dotati di particolare acume, questi mercati, per intravedere nella giornata di ieri lo scricchiolio – per la prima volta così rumoroso – della maggioranza gialloverde. Finora si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Pace fiscale, le 48 ore che hanno terremotato il Contratto

next