È un racconto che inizia passeggiando vicino a una chiesa di La Plata, provincia di Buenos Aires, Argentina. È lì che nel 2011 Julieta Añazco, 46 anni, ha avuto all’improvviso un brivido. E un ricordo sepolto non è più rimasto al suo posto. Julieta Añazco, cosa è successo? Mi ritrovai di fronte alla basilica Sagrado […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Lega vuole il marchigiano. Ruffini a capo dei lavori per il dopo-sisma nel Centro Italia

prev
Articolo Successivo

Via D’Amelio: 3 agenti a processo per depistaggio

next