Dopo una conversazione Vint Cerf, sempre impeccabile in un completo a tre pezzi, con il fazzoletto nel taschino e la spilla sulla cravatta, porge al suo interlocutore il proprio biglietto da visita: “Vicepresidente di Google e Sommo Evangelista di Internet”. La comunità informatica definisce Cerf il “padre di Internet”, l’ha premiato con il premio Turing […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Le mie comparse non mi ascoltavano ma ballavano solo”

prev
Articolo Successivo

Totti e veleni: basta la sua autobiografia e si scatena l’inferno

next