Agnello Hornby I tacchi alti: il suo consiglio che porto con me Mi accompagnò al mio esordio. Era una donna attenta al dettaglio e una grande mamma: ha cresciuto suo figlio Carlo da sola. Era tedesca, di padre ebreo. In tempi di antisemitismo, ricordo che è stata una grande italiana e una grande europea […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultimo valzer di Inge. La signora dell’editoria

prev
Articolo Successivo

Lessico familiare degli umanissimi “(In)credibili 2”

next