Di solito le fascette sui libri sono esagerate: “Più avvincente di Breaking Bad. Più intricata di Westworld. Più divertente dei Simpson”. Un po’ troppo e così – lo confesso – per mesi il primo volume di Demon, edito da Coconino Press, è rimasto sulla scrivania a sorreggere la tastiera dopo la rottura di quei supporti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’isola di arturo un bambino, un paradiso e l’avventura

prev
Articolo Successivo

Quarta Repubblica, Porro e l’usato sicuro dei talk

next