“Goran, ma quante canzoni hai scritto?”. “Ma che domanda è? Sai che non lo so…”. Goran Kuzminac è fatto così, un artista puro, allo stato brado. Dovrei scrivere “era” fatto così, perché ieri Goran è morto a 65 anni, ucciso da un male infame, di quelli che non concedono spazio alla speranza. Ma un artista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Rapsodia di Freddie dividerà (ancora) il mondo

prev
Articolo Successivo

Da Trevignano al mondo. Così il cinema racconta il viaggio

next