È grazie alle scostumate che si fa la rivoluzione del costume: nell’Italia bigotta degli anni Sessanta – ben prima delle femministe, dei figli dei fiori e dei figli di – la liberazione sessuale viaggia su carta e per mano di donna, Adelina Tattilo (1928 – 2007), la Hugh Hefner, e molto di più, nostrana. A […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quel Risorgimento anti-conformista

prev
Articolo Successivo

Imprigionata nelle nozze: “Non applaudite le coppie sposate da decenni”

next