È molto difficile, anche per me che lo conoscevo da moltissimi anni, parlare e descrivere una personalità complessa e, all’apparenza non facile come quella di Cesare De Michelis. È difficile anche perché mi viene un po’ di groppo in gola: era uno degli ultimi amici della mia generazione che mi erano rimasti. Naturalmente sapevo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Prendi i crisantemi e scappa da Alcatraz

prev
Articolo Successivo

La sua casa di carta a Dorsoduro: rifugio di libri e di silenzio

next