In pochi li conoscono. Vivono di finanziamenti pubblici – erogati dal parlamento di Bruxelles – e hanno spesso un’attività più virtuale che reale e immersa nei territori. I partiti politici europei giocheranno però un ruolo decisivo nelle prossime elezioni dell’Unione. Sono il luogo dove passano alleanze e strategie comuni, dove si formano le linee politiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Super Lega di Borghezio: i piani per la rete anti-Ue

prev
Articolo Successivo

“L’informazione della Rai deve ritrovare credibilità”

next