Mondo cane, tu fatti gli affari tuoi. Più parla, Calcutta, più sembra abbia prestato la carne e le ossa a quello che scrive. E no, non vale per tutti i cantautori. I testi sono i suoi occhi e le melodie hanno lo stesso suo incedere. Quel misto di purezza e indolenza che in molti riconoscono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

American Graffiti: primo passo verso le stelle

prev
Articolo Successivo

“Con un cinepanettone Aurelio ci rifà pure lo stadio”

next