Gli spot non riescono più a lasciare il segno. Niente più tormentoni anni 80 alla “Nuovo? No, lavato con Perlana!” o “La mia non è proprio fame, è più voglia di qualcosa di buono”, nessun capolavoro come quello Telecom con Gandhi, nessuno sconosciuto alla Meghan Gale o alla Raz Degan che  diventa sex symbol grazie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Padre Gemelli, Fanfani e gli altri “razzisti”

prev
Articolo Successivo

“Il mio ventennio d’oro con Jerry, Diego e il Dogui: locali gratis e tante donne”

next