Il paradosso della vita per Marcello Macchia passa sopra la testa, e non sul piano metaforico, bensì oggettivo, pratico. Tricologico. Tanto da diventare nemesi, catarsi, rivincita e infine vittoria: “Ho iniziato a perdere i capelli a 14 anni, uno choc totale, una sofferenza. Poi con gli anni si è tramutata in forza e oggi gioco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Spiava operai e sindacalisti per la Fiat. L’addio a 99 anni

prev
Articolo Successivo

Giramondo con 5 donne: “Nessuna sapeva dell’altra”. Tranquille, è solo uno sfigato

next