Era il 2009 – quasi dieci anni fa, un’altra era geologica in senso politico – e i Palazzi del potere s’interrogarono a lungo sul misterioso Anonimo romano che che aveva vergato Il Colle fatale (Longanesi), giallo politico che replicava il fortunato modello di Berlinguer e il professore, altro apocrifo d’autore degli anni settanta. La trama […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Battaglione 332° “cinema Usa”. Niente guerra, è propaganda

prev
Articolo Successivo

Martin Scorsese ripresenta “Toro scatenato”: “Fu colpa di De Niro”

next