Marcello, alias Christian De Sica, in Borotalco ne era certo: “Se c’è ‘na cosa che m’accide è l’indifferenza”. E magari quella lezione era stata metabolizzata anche da Mario Brega, offeso, anzi offesissimo con chi gli aveva regalato ruolo e fama; ruolo ed eternità cinematografica: “Dopo Troppo Forte si è incavolato perché non gli ho più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cyber-bagarinaggio: biglietti venduti in Internet a 10 volte tanto

prev
Articolo Successivo

“Scrivo l’ultimo Millennium in attesa di raccontare il Nulla”

next