In Svizzera una prestigiosa azienda è riuscita a creare il silenzio nel meccanismo di un orologio da polso venduto alla modica cifra di oltre 409mila dollari americani. Scandire il tempo con il silenzio è un ossimoro e il silenzio, a volte, è un lusso. Cosa accomuni il consumismo del “senza rumore” alla pace delle pratiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Caro amico del bus, metti via il cellulare e riprenditi un libro”

prev
Articolo Successivo

“2001 Odissea nello spazio” atterra a Cannes

next