“Negli ultimi 7 o 8 anni qualcosa si è rotto: una volta smesso, i ragazzi non ne vogliono più sapere del pallone. Io gestisco delle strutture, me ne accorgo tutti i giorni. Io e i miei amici non vediamo l’ora che arrivi il giorno della partitella, loro, invece, sono sdegnati”. Alessandro Birindelli parte dalla fine. Ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il mistero della morte del Guevara di Lucania

prev
Articolo Successivo

La feroce moda europea di punire sempre i giovani

next