Aveva 26 anni, Becky Moses. Era partita dalla Nigeria e fino a poche settimane fa si trovava a Riace dove, il 27 dicembre, le era stata consegnata la carta d’identità dal sindaco Mimmo Lucano. Prima il rigetto della richiesta di asilo politico, poi la scelta di abbandonare il paesino della Locride dove la legge dice […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il “ramoscello d’ulivo” turco in testa ai curdi

prev
Articolo Successivo

“Il Fatto mi attacca perché mi presento con la Lega”

next