“Forse abbiamo cambiato il modo di pensare al cibo, ma c’è un nuovo cambio di paradigma epocale: i prossimi anni saranno caratterizzati da una pubblicità tendente all’informazione più che alla fantasia. Il consumatore ha imparato a fare domande, non puoi più raccontargli balle sulle materie prime e sui processi produttivi”. Carlo “Carlin” Petrini – da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Testamento biologico, l’allievo di don Milani: “La Sla è atroce, subito la legge sul fine vita”

prev
Articolo Successivo

Geometrie sessuali variabili. Il cinema da Scotty a Hoffman

next