La storia

Jeff “Stronger”: l’eroe simbolo osannato da Boston. Suo malgrado

Bauman perse le gambe nell’attentato, mentre aspettava la fidanzata all’arrivo della maratona

29 Ottobre 2017

“Un viaggio nella sopravvivenza del singolo, una storia che è fonte di ispirazione per quanti combattono ma temono di non farcela”. Nome in codice: Boston Strong, anzi, Stronger. Il 15 aprile 2013 il 27enne Jeff Bauman staziona presso il traguardo della maratona con un cartello “a caratteri cubitali” per sostenere, ovvero riconquistare, la fidanzata Erin […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui