L’hanno chiamata “un calderone morto”, un “paradigma” – o, più dottamente, come ha fatto il giurista Giovanni Fiandaca, “un inquisitio generalis che andava alla ricerca di ipotesi di reato” – ma in realtà Sistemi criminali condotta dalla procura di Palermo fu l’inchiesta giudiziaria che fotografò per prima con profetica lucidità ciò che accadde nel biennio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Quel legame delle cosche con la Capitale: Filippone junior e l’impero della droga

prev
Articolo Successivo

Tutto a posto: ripartono i lavori all’outlet sostenuto da Tiziano

next