Sono le 10 di una mattinata iniziata male. Nicolò Mirra è a nostra disposizione, tanto di giocare non se ne parla. “Mi sono svegliato due ore fa, quando c’è meno gente connessa perché tutti sono a scuola oppure in ufficio. Ma non riesco a rimanere collegato ai server. Così rischio di perdere in automatico e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Internet è una dipendenza come alcol, fumo e droghe”

prev
Articolo Successivo

L’Amaro della Resistenza che salva i posti di lavoro

next