Abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Sono i reati contestati al sindaco di Roma Virginia Raggi nell’ambito dell’inchiesta che riguarda la nomina (poi revocata) a capo del dipartimento Turismo di Renato Marra. È indagato ma solo per abuso d’ufficio pure Raffaele Marra, fratello di Renato e ora in carcere per corruzione. Per la Procura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rivolta contro Enel: “Via l’ad”

prev
Articolo Successivo

Il martedì nero a 5 Stelle: “Ha sbagliato, chiarirà”

next