La strada regionale 577 che s’inerpica attorno al lago di Campotosto, tra tornanti, animali sulla carreggiata e ghiaccio, diventa praticamente una pista da bob appena le tenebre e il freddo gelano il nevischio acquoso sull’asfalto. Le pareti laterali, alte almeno due metri, in alcuni tratti anche tre, sono la neve accumulata dal lavoro incessante delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nomine, lo scandalo Opl245 può costare il posto all’ad Descalzi

prev
Articolo Successivo

Enel, dai black out un conto milionario. Paghiamo pure noi

next