Si può ancora raccontare l’immigrazione come una fiaba a lieto fine? Il sacrificio del distacco, la scoperta di un nuovo mondo, la gioia del ricongiungimento e la ricomposizione di un equilibrio, anche familiare, altrove. La dinamica casa editrice Tunué ha iniziato a pubblicare i lavori dell’artista australiano Shaun Tan (premio Oscar per l’animazione 2011) partendo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Le avventure di Sgobba e Ditta nel debito pubblico

prev
Articolo Successivo

La post-Grecia nell’era della post-verità sul post-Web

next