Emanciparsi dal Panda non è facile. Giacomo Bevilacqua è diventato famoso molto giovane, a 25 anni, con A Panda piace: un geniale equilibrio di sintesi, creatività e tecnica che si inserisce in quel filone fumettistico che fa capo ai Peanuts e racconta la capacità di stupirsi per i piccoli piaceri della vita. Poi Bevilacqua ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il palcoscenico del Madre diventa contemporaneo

prev
Articolo Successivo

Com’è ’sta lettera della Bce? Greca! Deutsche, Mps e Mario Brega

next