C’è una tessera anche per me per votare?”. Matteo Renzi, seduto in maniche di camicia azzurrina al tavolo della presidenza, mentre Matteo Orfini mette ai voti dell’Assemblea del Pd la sua relazione, fa una domanda. Una battuta. Ma nel parlamentino dem del post referendum, all’Ergife di Roma, il segretario per la prima volta non sembra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria 1912

prev
Articolo Successivo

Grillo-Raggi, la grana vice sindaco: Colomban non si convince

next