Fulvio Pierangelini è una specie di rockstar. Quando arriva ai tavolini del bar dell’Hotel de Russie di Roma indossa occhiali scuri nonostante il sole sia al crepuscolo. I suoi capelli riccioli fanno capolino sulle spalle, stile Jim Morrison. Tra una riflessione e l’altra mette in bocca un nuovo modello di sigaretta elettronica – “che non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Da Chieti a Campobasso

prev
Articolo Successivo

Le segnalazioni

next