Probabilmente il condottiero assiro Oloferne stava dormendo quando alle sue spalle compare Giuditta, la vedova ebrea che vuole salvare il suo popolo dalla dominazione straniera. La giovane donna ha in mano una scimitarra, alle sue spalle una vecchia donna sorregge il drappo che contiene un cesto malaugurante. All’improvviso la fanciulla, senza indugio, prende i capelli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Le segnalazioni

prev
Articolo Successivo

Le altre segnalazioni

next