Dici Sanremo e ti viene in mente il sorriso preconfezionato di Carlo Conti, e con lui una rassegna di innocue canzonette che si ripete con qualche stanca variazione di anno in anno. Ma dietro Sanremo, in realtà, c’è una storia centenaria fatta anche di massoneria, servizi segreti, spionaggio, corruzione: è la tesi dello storico Riccardo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Terra dei fuochi addio, Caivano è pulita

prev
Articolo Successivo

La guerra tra Barcellona e Madrid è sotto il mare

next