Quando arriviamo alla Tortuga, il loro quartier generale, i pirati islandesi stanno discutendo delle elezioni. Situata di fronte all’oceano, la loro sede di Reykjavik è aperta a tutti. Dietro gli schermi dei computer si vedono facce allegre. Gli attivisti stanno commentando i sondaggi: il Partito Pirata potrebbe diventare forza di maggioranza. E, addirittura, esprimere il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Peacelink: “All’Ilva è inquinata la falda”. Sms a Emiliano: mio figlio ha il tumore

prev
Articolo Successivo

Il Papa gesuita riabilita Lutero: “Fece un gesto di riforma in un momento difficile”

next