Come abbiamo potuto sopravvivere millenni senza bacche di goji? Come è stato possibile tirare avanti senza sgranocchiare grani di acai? Senza spiluccare semi di chia? Che vita grigia (e breve) dev’esser stata quella delle generazioni che hanno preceduto l’arrivo sulle nostre tavole dei cosiddetti “superfood”, quegli alimenti, cioè, colmi di nutrienti benefici. Ma non vi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Putin boia”: il grido delle madri di Beslan

prev
Articolo Successivo

Venezia chiama Hollywood: una statuetta per quattro

next