Il ricordo di padre Alex Zanotelli è nitido e doloroso: “Genova fu una pugnalata. Non ero lì fisicamente: era il mio ultimo anno a Korogocho (la baraccopoli di Nairobi dove è stato in missione dal 1989, ndr), ma quando mi è arrivata la notizia di Carlo Giuliani è stato tremendo. Avevo messo tanta speranza in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

G8 di Genova, un’intera gioventù buttata nel mare

prev
Articolo Successivo

“Quella violenza ha traumatizzato una generazione”

next