/ di

Francesca Borri Francesca Borri

Francesca Borri

Corrispondente di guerra

Non amo la definizione di giornalista di guerra, anche se scrivo soprattutto di Siria, in questi mesi, vivo in Medio Oriente, e in quello che scrivo, in genere, qualcosa esplode, qualcuno muore. Ma le guerre, alla fine, non sono solo quelle con i missili e i carrarmati – quelle sono solo le guerre più facili da vedere. L’unica cosa che mi guida, in realtà, è la curiosità. E l’unica cosa che le mie storie hanno in comune, è che sono storie a km zero. Storie, cioè, non raccontate con un copia&incolla da internet, con telefonate, voci, pezzi di facebook, pezzi di altri, ma toccate con mano, fango alle caviglie: storie raccontate dalle vene del mondo. Perché il mondo sembra in bianco e nero, amici e nemici, torto e ragione, solo a guardarlo a distanza. Da vicino, tutto è molto più complesso, più sfumato, i ruoli spesso si ribaltano – e i confini si sgranano: perché quando entri in una sperduta casa africana, e ti parlano in perfetto francese, non puoi non capire quanta parte di noi c’è in questo mondo che crediamo lontano. Che crediamo estraneo.
E spesso non è la nostra parte migliore.
E non sei più tu, allora, all’improvviso, quello che fa le domande. A volte, a guardare da vicino, tu sei quello chiamato a rispondere.

Francesca Borri, 1980, studi in relazioni internazionali, dopo una prima esperienza nei Balcani ha lavorato in Medio Oriente, e in particolare in Israele e Palestina, come specialista di diritti umani. Nel 2012 ha deciso di raccontare la guerra di Siria come reporter freelance. Da allora, i suoi articoli sono stati tradotti in 15 lingue.

Il suo libro più recente, La guerra dentro, attualmente disponibile in Italia e Norvegia, uscirà in Gran Bretagna la prossima primavera.

I feel uneasy with the definition of war journalist, even if I have been writing mostly about Syria, in the last months, I live in the Middle East, and in what I write usually something explodes, someone dies. But wars, in the end, are not just the ones fought with jets and tanks – those are simply the easiest to notice. The only thing I am moved by, actually, is curiosity. And the only thing that my pieces share, is that they are zero-mile stories. I mean, stories told not through a copy&paste from the web, through phone interviews, rumors, Facebook stuff, others’ stuff, but experienced at first hand, your ankles deep in mud: stories told from the veins of the world. Since the world looks black and white, friends and enemies, right and wrong, only if you watch it from the distance. Close up, everything becomes more complex, more blurred, the roles often reverse – and the borders crumble: because when you enter a remote African house, and you are talked to in perfect French, you can’t miss how much of us resides in this world that we believe to be far away. That we believe to be foreign.
And often isn’t the best of us.
And isn’t you anymore, then, suddenly, the one that asks questions. Sometimes, looking from close up, you are the one called to answer.

Francesca Borri, 1980, a background in International Relations, after a first experience in the Balkans worked in the Middle East, and especially in Israel and Palestine, as human rights officer. In 2012 she decided to cover the war in Syria as a freelance reporter. Since then, her articles have been translated into 15 languages.

Her last book, La guerra dentro, currently available in Italy and Norway, will be out in English next spring.

Articoli Premium di Francesca Borri

Mondo - 30 luglio 2018

Ecco la Nuova Turchia tra regime e modernità

All’ingresso stampa del ponte sul Bosforo, uno dei teatri del tentato colpo di stato del 2016, e oggi, della sua commemorazione annuale, consegnano biscotti, patatine, acqua, e anche una barretta energetica: e siamo tutti pronti a fare notte. E invece Erdogan parla per meno di mezz’ora. E quasi a bassa voce. Ringrazia i 249 morti, […]
Mondo - 7 maggio 2018

Nella terra di nessuno né araba né israeliana

Al centro di Israele e Palestina, proprio al centro, sulla mappa, c’è un luogo che non è né Israele né Palestina e che però racconta più di ogni altro israeliani e palestinesi. Si chiama Shuafat. Ha 40 mila abitanti in 0,2 chilometri quadrati. Quanto la Central Station di New York. Ed è un campo profughi. […]
Mondo - 15 aprile 2018

In balia dei potenti: civili carne da macello nel Paese di Pongo

In Bosnia un colpo di mortaio sul mercato di Sarajevo cambiò il corso della guerra, convincendo infine l’Onu a intervenire. In Siria oggi ti dicono: la tregua tiene, c’è solo fuoco di artiglieria. Un po’ alla volta, la guerra di Siria è diventata piuttosto una guerra in Siria. La rivolta da cui tutto è iniziato […]
Mondo - 26 febbraio 2018

La “ribelle” fotogenica che divide i palestinesi

Per gli attivisti internazionali, mobilitati in tutta Europa, è la nuova Mandela. La nuova Malala. Per gli israeliani, invece, che da un mese ormai non parlano d’altro, è un’attrice. La Knesset ha commissionato un’indagine per capire se davvero Ahed Tamimi, 17 anni, capelli biondi e occhi chiari, e nessun hijab, sia palestinese. O non sia […]
Mondo - 12 febbraio 2018

Jihad, povertà, droga. Le ombre del Paradiso

Quanti di noi direbbero che le Maldive sono un paese musulmano? E invece, in rapporto alla popolazione, sono anche il paese non arabo con il più alto numero di foreign fighters. Tutti abbiamo un amico, un cugino che è stato alle Maldive: qui tutti hanno un amico, un cugino che è stato in Siria. Ma […]
Mondo - 22 gennaio 2018

La primavera tunisina affossata dal turismo

Il Taj Sultan ha cinque stelle e una spiaggia privata, una piscina esterna, una piscina interna, un campo da tennis, la sauna, ovviamente, l’hammam e la palestra, ha un ristorante, un caffè, il bar con il biliardo e il whishy e le freccette, un parco, e nel parco, un’area attrezzata per i bambini, e un’altra […]
Mondo - 24 luglio 2017

Ankara saluta l’Europa: “Ora facciamo da soli”

“Siamo stati regolarmente eletti e hanno tentato di rovesciarci. Eppure, americani ed europei sono stati zitti. Parlano tanto di democrazia, parlano tanto di tutto. E poi quella notte non hanno detto niente. Avevamo i carrarmati per strada. Ma fino a quando non è stato chiaro che il colpo di stato era fallito, sono stati zitti. […]
Mondo - 10 luglio 2017

Egitto, dove si contano cinque. Regeni al giorno

Chiunque si oppone ad al-Sisi, qui, finisce in carcere, o sparisce: è noto a tutti. Ma è come se fosse normale. Gli ultimi studi dei centri di ricerca internazionali sono vecchi di anni. Non si trova più neppure la Lonely Planet. L’Egitto, in questo momento, non interessa a nessuno. Turisti, analisti, giornalisti: sono andati via […]
Mondo - 10 giugno 2017

Altro che Olimpiadi. Qui in Paradiso tifano tutti al Qaeda

Nell’aria pigra del primo pomeriggio, due amiche chiacchierano su un dondolo giallo. Un uomo, poco lontano, rivernicia una chiglia di barca, scalzo nella sabbia chiara. Si avvicina, gentile, mi dice: “Benvenuta a Himandhoo”. E mi offre un mango. Di là dalle palme, trasparente, si schiude il mare delle Maldive, calmo e sconfinato. È strano pensare […]
Mondo - 29 maggio 2017

Turchia, il jihadista si è imborghesito

“Non ha senso continuare così. Non ha senso, davvero”. L’uomo che chiamerò Hadi, e che mi sta davanti stravolto, è il comandante dell’unità di al-Qaeda con cui vorrei rientrare in Siria. Ma è il 6 aprile, e a Khan Sheikhun c’è appena stato un nuovo attacco chimico. “Vieni subito”, mi ha detto al telefono, “è […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×