/ / di

Enrico Fedrighini Enrico Fedrighini

Enrico Fedrighini

Portavoce Comitato Promotore MilanoSiMuove

Classe 1959, tecnico laureato, lavoro presso il Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura. Da vent’anni mi occupo di ambiente ed energia. Nel 1999 ho presieduto l’Osservatorio Ambiente-Legalità, dedicato a denunciare i traffici illegali di rifiuti nel nord Italia. Nel 2005 ho presentato alla Commissione Europea di Bruxelles il primo dossier-reclamo per il mancato rispetto dei limiti di legge in materia di smog: esaminata la documentazione, la Commissione Europea ha avviato una formale procedura di infrazione verso l’Italia per le inadempienze di Milano e Regione Lombardia.

Sono portavoce del Comitato Promotore MilanoSiMuove: insieme alle associazioni ambientaliste ho promosso i cinque (vittoriosi) referendum sull’ambiente e la qualità della vita a Milano e avviato, lo stesso anno, la prima class action civile (in corso) in difesa del popolo inquinato milanese contro l’inerzia delle amministrazioni locali in materia di inquinamento atmosferico.

Autore nel 2010 di una proposta di legge di iniziativa popolare per contrastare il fenomeno dell’inquinamento di suolo, sottosuolo ed acque in Lombardia che prevede un solo articolo, semplice e chiaro: rendere inedificabili per vent’anni le aree dalle quali scaturiscono fenomeni di contaminazione; chissà perché nessuno, né a destra né a sinistra, l’ha portata avanti finora…

Nel 2005 ho pubblicato il libro-inchiesta “Moby Prince: un caso ancora aperto” (Ed. Paoline, prefazione G. Minoli), che ha portato la Procura di Livorno a riaprire il caso dopo 15 anni.

Dal 2006 al 2011 sono stato Consigliere comunale di Milano per la lista ecologista. Come primo atto, nel 2006, ho chiesto e ottenuto l’adozione di “bici blu”, al posto delle automobili di servizio, per gli spostamenti istituzionali dei consiglieri comunali.

Blog di Enrico Fedrighini

Economia & Lobby - 2 novembre 2017

Se l’abbonamento ai mezzi pubblici te lo paga l’azienda poi lo usi

Si chiama “fidelizzazione dell’utenza” ed è una delle strategie fondamentali per favorire il trasferimento strutturale di una quota rilevante di spostamenti quotidiani casa-lavoro dal mezzo privato al trasporto pubblico. Non so quanti se ne siano accorti ma questa strategia è presente e lotta insieme a noi, fra le righe della legge di Bilancio all’esame del […]
Ambiente & Veleni - 23 ottobre 2017

Come guarire dallo smog, senza bisogno della danza della pioggia

Esistono valide alternative alla danza della pioggia Sioux per affrontare seriamente il problema dello smog nel bacino padano? Io credo di sì. Iniziamo a fare chiarezza su tre aspetti che riguardano definizione, cause e tempi di intervento. 1. Definizione: smettiamo di chiamarla “emergenza smog”: ogni anno, da ottobre a marzo, per ragioni geo-meteo-climatiche specifiche del […]
Cronaca - 27 marzo 2016

Moby Prince – Theresa e Ship One, le navi senza identità nella tragedia del rogo

La sera del 10 aprile 1991, nella rada di Livorno, è programmata un’operazione destinata a rimanere “coperta”, e che coinvolge un numero imprecisato di imbarcazioni rimaste senza nome, la cui presenza viene rilevata da radar e comunicazioni radio poco prima e subito dopo la collisione fra Moby Prince e Agip Abruzzo. Una di queste imbarcazioni […]
Ambiente & Veleni - 18 novembre 2014

Milano: vie d’acqua o vie di fango? Il tempo delle scelte, la fine degli alibi

Chi oggi governa le grandi città come Milano non può essere ritenuto diretto responsabile delle disastrose politiche territoriali di lungo corso che hanno causato su vasta scala il dissesto idrogeologico sotto i nostri occhi. Però prima o poi arriva il momento delle scelte concrete. Per tutti. Sprecare 45 mln di euro per un inutile tubo […]
Ambiente & Veleni - 14 febbraio 2014

Expo 2015, traffico e altre diavolerie: il caos sopra Milano

Se un’opera legata ad Expo e davvero importante per Milano come la M4 non viene realizzata, perché un’altra opera sostanzialmente inutile per Milano, come la Via d’Acqua, deve invece essere realizzata a tutti i costi? Una cosa è certa: a Milano non puoi distrarti un attimo, ne capitano di tutti i colori. Eppure c’è qualcosa […]
Ambiente & Veleni - 27 luglio 2013

Milano, riorganizzazione sosta a pagamento: una perdita di credibilità?

Le cronache locali ci hanno fornito un puntuale resoconto dello scontro avvenuto in Consiglio comunale in occasione della recente deliberazione sulla riorganizzazione della sosta urbana: pugni battuti sul tavolo, urla e imprecazioni, flash mob, tute bianche. Tutto davvero molto emozionante. E tutto molto inutile, dato che le questioni essenziali risultano, ancora una volta, ignorate. La […]
Ambiente & Veleni - 15 aprile 2013

Milano: domenica a piedi, lunedì in auto?

“Buongiorno, volevo farle i complimenti per la riconferma definitiva di Ecopass! Però avrei qualche domanda…io sono contentissimo di questo sindaco che ho votato e rivoterò…ma ho anche sostenuto i referendum verdi che voi avete proposto e non mi sembra che gli altri punti siano stati presi molto in considerazione…Forse si dovrebbe iniziare a “pressare” un […]
Cronaca - 10 aprile 2013

Moby Prince, un caso ancora aperto

Nella prima decade di aprile 1991 il porto di Livorno più che un porto civile somiglia a una base militare statunitense. Numerose imbarcazioni militarizzate provenienti dal Golfo Persico (navi mercantili riadattate per il trasporto di materiale bellico) si trovano ancorate nella rada livornese. Il loro nome e numero viene annotato sul registro della Capitaneria di […]
Giustizia & Impunità - 27 febbraio 2013

Olof Palme, un caso ancora aperto

Washington, 25 febbraio 1986, martedì. Philip Guarino, esponente del Partito Repubblicano molto vicino a George Bush senior, rilegge il messaggio che gli è stato appena recapitato; un telegramma inviato da una località remota del Sud America, una sorta di codice cifrato: “Tell our friend the Swedish palm will be felled”. La firma è di un […]
Ambiente & Veleni - 21 dicembre 2012

La nuova Lombardia, per la riduzione del consumo di suolo

Nessuno ne parla in Italia, ovviamente, perché conviene a molti che il consumo di suolo prosegua caso per caso, Comune per Comune, senza altra regola che non sia la rendita fondiaria (per il privato) e l’accaparramento degli oneri di urbanizzazione (per il Comune). Eppure il 20 settembre 2011 la Commissione Europea ha trasmesso al Parlamento […]
Il G7 Salute tra accordi segreti e falsi proclami. Obiettivo: privatizzare tutto
Bankitalia, il Consiglio Superiore che somiglia a Confindustria

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×