Due persone sono morte a causa del terremoto di magnitudo 6.8 che ha colpito il Messico intorno alle 1.16 di notte (poco dopo le 8 ora italiana). Il sisma si è verificato nello Stato centrale del Michoacan ed è stato avvertito anche a Città del Messico, a 400 chilometri di distanza. La sindaca Claudia Sheinbaum, riferisce su Twitter che una delle vittime ha perso la vita nel quartiere di Doctores, nella capitale: la donna sarebbe caduta mentre stava facendo le scale per scendere in strada. Molte persone sono infatti fuggite dalle proprie abitazioni non appena hanno sentito suonare l’allarme sismico.

L’epicentro si trova a una profondità di 20,7 chilometri, a 84 chilometri a sud di Coalcomán: non è scattato alcun allarme tsunami. La scossa è stata avvertita anche in altri tre stati: Colima, Jalisco, Guerrero Si tratta del secondo sisma che in pochi giorni ha colpito il Messico, dopo quello del 19 settembre che è stato seguito da 1229 scosse di assestamento. Il Servizio sismologico nazionale ha precisato che quello di questa notte è il terremoto più importante registrato, secondo solo a quello di pochi giorni fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, ora si rischia l’intensificazione: perché non si parla di pace?

next
Articolo Successivo

Medvedev minaccia Kiev: “Pronti a usare l’atomica”. Cina: “No escalation. Non staremo a guardare, sosteniamo l’Ue nella mediazione”

next