Essendo un mutuo un contratto di diritto privato, se entrambe le parti sono d’accordo è (quasi) sempre possibile intervenire a modificarne le condizioni: in questo caso si parla di rinegoziare il mutuo. Ecco come funziona.

Puoi trovare tutti gli approfondimenti sul Magazine di Immobiliare.it

Quando succede di rinegoziare un mutuo

Soprattutto negli ultimi anni, con i tassi di interesse gradualmente scesi fino a raggiungere i minimi storici, i casi di rinegoziazione sono aumentati: si pensi a chi ha stipulato un mutuo prima della crisi, quando gli interessi sui finanziamenti a tasso fisso erano sopra il 5%, e ha visto in pochi anni i tassi raggiungere quasi lo zero; è evidente che in situazioni come questa occorreva ripensare i vecchi mutui con una rinegoziazione.

Rinegoziazione, sostituzione, surroga

A differenza di altri istituti, come la surroga o la sostituzione del mutuo, la rinegoziazione non prevede la portabilità del finanziamento presso un’altra banca a migliori condizioni (come la surroga) né l’accensione di un nuovo mutuo presso un istituto differente per l’estinzione del primo prestito (sostituzione): sostanzialmente, la rinegoziazione è “solo” una revisione delle condizioni definite nel contratto originario.

Come si fa a rinegoziare un mutuo

Per procedere alla rinegoziazione del mutuo va presentata richiesta alla banca. La rinegoziazione è gratuita e non comporta spese notarili, in quanto non è necessario stipulare un nuovo atto di mutuo.

Per legge non sono previsti limiti temporali alla rinegoziazione ma sono le stesse banche, in qualche caso, a definire un periodo di rimborso minimo. In ogni caso, comunque, l’istituto di credito non è mai obbligato ad accettare la richiesta del mutuatario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus caldaia 2022: ecco come funzionano le agevolazioni

next