Ve ne stiamo parlando ormai da qualche settimana. Ai concerti in effetti sempre più spesso stiamo assistendo a scene con cori di odio da parte del pubblico. Dopo Myss Keta, che si è sentita dire da alcuni partecipanti al live: “Portaci a put*ane”, questo becero tormentone lanciato su TikTok ha coinvolto anche Ghali. L’artista infatti è stato immortalato su Instagram mentre sbotta con gli spettatori dello show di Gallipoli, più precisamente a Parco Condar, di essere irrispettosi e inopportuni.

Facciamo un passo indietro. È il 3 agosto: afa, voce, birre e telefoni in mano sono i protagonisti della serata. Poi, di colpo, il buio. A metà serata il live si interrompe per lasciare spazio ad un coro partito dai ragazzi sottopalco: “Oh Ghali, portaci a put*ane”. Ed è subito un’onda di voci della folla presente. La musica si ferma e, dopo un momento di silenzio, il rapper non ci sta e reagisce alle accuse: “State dicendo questa cosa nel live sbagliato, perché tante persone si sono incontrate ai miei concerti, tante coppie che ora sono sposate. Non c’è di certo bisogno di andare a put*ane stasera ragazzi”. Tanti, troppi, i casi che negli ultimi mesi hanno coinvolto tra gli altri Keta stessa o J-Ax durante il live organizzato da Fedez, LoveMi. E ancora, Elettra Lamborghini, che si è sentita apostrofare da alcuni haters “Tr*ia” al suo concerto a Riccione: “Se avete le palle, prendete e andate fuori dai cogli*ni” – aveva gridato a gran voce. Ultima, non in ordine di gravità per le parole ricevute, Anna Pepe, 18 anni, che aveva mandato direttamente a quel paese i responsabili degli insulti.

Una piaga quella dei cori ai concerti che sta diventando sempre più problematica e difficile da superare. Gli artisti si interrogano sui social su come poter superare questo problema durante i loro live, come ad esempio l’eccessivo utilizzo dei telefoni. Ormai i concerti non vengono più guardati in presa diretta ma da uno schermo di un telefono. In questo i social non hanno evidentemente aiutato a superare questo gap che la Generazione Z (e non solo) sta vivendo. Chi sarà la prossima vittima? Non ci resta che attendere il prossimo concerto per dirlo

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Victoria Beckham in guerra con Nicola Peltz: “Detesta la moglie di suo figlio Brooklyn, non si sopportano e non si parlano”

next
Articolo Successivo

Lotta contro il tempo per salvare il beluga avvistato nella Senna: “Le sue condizioni di salute sono preoccupanti, sta morendo di fame”

next