I partiti non parlano di diritti, come l’eutanasia legale, o l’ambiente, perché non sono costretti a raccogliere le firme per presentarsi alle elezioni. Questo succede perché si sono dati loro stessi le regole”. A dirlo, ospite a In Onda, su La7, è il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, che proprio oggi ha presentato la sua lista, Referendum e democrazia, chiedendo che le firme digitali vengano attivate anche per chi intende correre alle Politiche. “Poi i partiti si domandano perché i giovani non vanno a votare”, ha aggiunto Cappato, che mercoledì si è autodenunciato per aver accompagnato la signora Elena e morire in Svizzera e che, per questo, rischia una condanna massima a 12 anni di carcere. Sui diritti Cappato ha aggiunto che “la democrazia non c’è, il Parlamento sul fine vita, in nove anni, non si è mai espresso; e ora la Corte Costituzionale ci ha impedito di esprimerci su questo tema e sulla cannabis legale”.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani a La7: “Perché non mi ricandido? Ho fatto per 20 anni il parlamentare, mi pare abbastanza. È il tempo che passa, è normale…”

next
Articolo Successivo

La7, botta e risposta tra Borgonovo e Caprarica: “Per rispetto alla sua camicia non la interrompo”. “Effettivamente è meglio della sua che è nera”

next