“Oggi inizia il processo dopo quasi quattro anni di attesa. Noi abbiamo tante aspettative, abbiamo l’aspettativa che porti giustizia, che sia fatta chiarezza sulle cause, sulle responsabilità che hanno portato all’uccisione dei nostri familiari. Noi speriamo che emerga la verità. E speriamo che i tempi non siano biblici”. Sono le parole di Egle Possetti, presidente del comitato vittime del Ponte Morandi, intervistata dall’Ansa nel giorno della prima udienza del processo sulla strage.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, via al processo: il comitato dei parenti delle vittime chiede (di nuovo) di essere parte civile. “Esclusione assurda e ingiusta”

next
Articolo Successivo

Roma, funzionaria dell’antimafia arrestata per usura: offriva prestiti con interessi fino al 70%

next