Nell’ultimo report del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc) la Francia era inserita tra i paesi a rischio elevato. E oggi da Parigi arriva la notizia che i contagi sono stati oltre 200.000 nelle ultime 24 ore, il numero più alto delle ultime settimane. La Francia si trova così ad affrontare la settima ondata di Covid. Nella cartina del contagio in Europa, oltre alla Francia compaiono Italia, Portogallo, e Islanda: interamente colorati di rosso scuro, quindi a rischio elevato. In rosso scuro anche gran parte della Grecia e la Spagna Occidentale. La Germania non era stata inclusa nell’aggiornamento dell’Ecdc in quando i dati dei contagi erano considerati insufficienti, ma nei giorni scorsi si sono superati i 145mila contagi.

Nei giorni scorsi proprio l’Organizzazione mondiale della sanità aveva comunicato che sono previste ulteriori varianti del virus” Sars-CoV-2, “comprese varianti di preoccupazione” nuove, “perché continuiamo a vedere” che il patogeno di Covid-19 mostra “un’evoluzione significativa”. Tuttavia “la direzione” che prenderà questa tendenza a mutare “rimane incerta e le caratteristiche delle future varianti non possono ancora essere previste” aveva spiegato Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa. “L’Oms – ha aggiunto – continua a sottolineare l’importanza dei test e della sorveglianza, in modo da poter tracciare il virus, la sua diffusione e la sua evoluzione. Queste informazioni rimangono fondamentali per porre fine in modo efficace alla fase acuta della pandemia”. Il trend è mondiale perché nei giorni scorsi era stato rilevato un aumento del 18%. Il più grande aumento settimanale era stato osservato in Medio Oriente, dove sono aumentati del 47%, ma anche del 32% in Europa e nel sud-est asiatico e di circa il 14% nelle Americhe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, sbaglio o dei morti non si parla più? Forse è questa la vera essenza del conflitto per l’Occidente

next
Articolo Successivo

Da “dittatore di cui si ha bisogno” a “Turchia partner, amica e alleata”: Draghi ad Ankara firma nove accordi con Erdogan

next