“Le mascherine sono e restano fondamentali, abbiamo un obbligo più limitato e una raccomandazione che facciamo con forza, dopo due anni di pandemia chiediamo alle persone di avere ancora un atteggiamento di prudenza e cautela. Puntiamo sulla responsabilità individuale”. Così il ministro della Salite, Roberto Speranza, a margine di un evento della Cgil, a Roma. Il ministro ha anche lanciato un appello sulla campagna vaccinale: “Dobbiamo ancora insistere sulla campagna di vaccinazione. I più fragili possono avere un secondo richiamo subito (quarta dose), chi ha più di 80 anni, chi vive nelle Rsa, chi ha particolari fragilità. Il secondo richiamo funziona. Questo si può fare subito”. Quindi il ministro ha concluso: “In autunno costruiremo una campagna di vaccinazione più larga, per fasce generazionali più ampie, ma quella la costruiremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, da Letta a Conte fino ai renziani: torna la voglia di proporzionale. Ma servono voti anche nel centrodestra

next