Un bimbo di 9 anni è stato trasportato dai sanitari del 118 in coma all’ospedale pediatrico Di Cristina di Palermo: aveva ingerito metadone. È stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva, dove ci sono anche i genitori, originari di Pioppo, una frazione di Monreale. La Procura ha aperto un fascicolo, al momento a carico di ignoti, per chiarire dove il bambino abbia trovato il metadone e come lo abbia assunto. Indagano i carabinieri del gruppo di Monreale, contattati dai medici dell’Ospedale dei Bambini dopo i primi accertamenti e le analisi del sangue che hanno rivelato la presenza di tracce della sostanza.

Secondo una prima ricostruzione il bambino avrebbe bevuto da una bottiglietta, offerta forse come tè fresco da alcuni ragazzini. Al rientro a casa si è sentito male (avrebbe avuto delle convulsioni). Forse proprio in quei concitati frangenti ha raccontato ai genitori quanto accaduto. Le condizioni del bimbo, inizialmente gravi, sembrano in miglioramento ma la prognosi resta ancora riservata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elena Del Pozzo, ai funerali il vescovo invoca il perdono per la mamma. Fuori dalla chiesa gridano “vergogna”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati: 56.166 nuovi contagi e 75 vittime. Il tasso di positività è al 22,6%

next