di Andrea Taffi

Luigi Di Maio, dopo aver cacciato tanti suoi ex colleghi, adesso caccia se stesso dal Movimento 5 Stelle; se ne va, non è più “grillino”, quanto meno ufficialmente, perché di fatto non lo era da tempo, almeno dall’insediamento dell’irrinunciabile governo Draghi, da lui tanto voluto. Si porta con sé, Di Maio, i fedelissimi e conta (o spera) di crearsi una sorta di eredità politica per un futuro almeno da 2%. Per l’immediato (un passo alla volta, per carità) fa evaporare del tutto lo spettro grillino e grillesco del divieto del doppio mandato e (ora che si è abituato ai palazzi che contano e crede di sapere come si fa a fare il politico) si convince di poter continuare a fare politica, e chissà, magari anche il ministro di un futuro governo, Meloni e Salvini permettendolo.

Finalmente Di Maio può gridare al mondo intero di essere atlantista, europeista e non putiniano. Lo capisco, è stata davvero dura: tutti questi anni coi 5stelle (dei quali è stato anche capo politico con relativo e sistematico crollo dei consensi) nei quali è stato costretto a mettersi d’accordo con Salvini; a chiamare lo sconosciuto Conte alla presidenza del Consiglio; a mettersi a girare, tutto contento, tra le varie stanze di vari ministeri che ha ricoperto, senza gran costrutto per la verità, ma dai, solo perché incapace di trovare lì la sua vera vocazione. Costretto poi (udite udite) a dire (in diretta da balcone) di avere abolito la povertà. Peccato, era lui il bravo ragazzo del Movimento 5 stelle: giovane, elegante, educato, con quella bella e leggera influenza campana; la pecora bianca del gregge di Grillo, amico ma non troppo di Di Battista, la pecora nera quest’ultimo, il Che Guevara dei poveri, che invece di fare la “revolusion” (politica, ovvio) in Italia ha preferito fare i reportage in America Latina.

Adesso i soliti malpensanti da scrivania dicono che dietro la scelta di Di Maio ci sia un piano degli eterni complottanti di professione. Credetemi, non è così. No, dietro la scelta di Di Maio c’è solo Di Maio, la sua convinzione di aver dimostrato a se stesso di essere bravo, atlantisticamente, europeisticamente bravo. Nel Movimento 5 stelle questo non poteva farlo alla luce del sole. Era costretto a studiare la vera politica di nascosto, la notte, quando i suoi colleghi dormivano. E così imparava, imparava; e metteva in pratica, con risultati che si vedevano elezione dopo elezione. L’ultima prova, la certezza di essere diventato davvero bravo, Di Maio l’ha avuta con l’elezione del Presidente della Repubblica. Veramente una chicca: l’ha fatta a Conte, Salvini e compagnia cantante.

Adesso Di Maio è libero, può abbracciare chi vuole e non essere più costretto a rendere conto. È finalmente nato un politico, uno vero, uno come Renzi, uno come Calenda: tutti a rimpinguare le fila del “battaglione 2%”, quello dove si può dire di essere arrivati, dove si fa la politica che conta, dove a importare non sono i consensi, ma i dissensi.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La mancanza di competenza del Movimento 5 Stelle s’è dimostrata una vera iattura

next
Articolo Successivo

Mogliano Veneto, tutti gli amministratori della Lega escono dal partito in polemica con i vertici locali: “Ci stanno remando contro”

next