Cinque cittadini britannici entrati in Afghanistan contro le indicazioni del governo del Regno Unito, sono stati rilasciati dalle autorità talebane grazie ad un accordo raggiunto con l’ufficio degli esteri inglese. A comunicarlo è stata Liz Truss, ministra degli Esteri inglese, in una nota diffusa proprio dal Foreign Office, in cui esprime il suo rammarico per le azioni attribuite al quintetto. Nel comunicato è stato precisato che gli uomini britannici non lavoravano per il governo ed è stato chiesto formalmente perdono a nome del Regno Unito per qualsiasi violazione della cultura, dei costumi o delle leggi afghane da parte loro. É stato inoltre ringraziato il governo dei talebani per aver permesso la loro scarcerazione. La ministra ha anche dichiarato su Twitter di essere contenta che il Regno Unito abbia assicurato il rilascio dei cittadini, che potranno ora riunirsi alle proprie famiglie.

I cinque erano detenuti dallo scorso dicembre e tra di loro c’era l’ex cameraman della Bbc ed esperto di Afghanistan, Peter Jouvenal. Secondo quanto riportato da The Guardian, l’uomo è stato arrestato dai talebani a Kabul, dopo essersi recato nel paese per discutere di alcuni investimenti minerari e parlare con amici di vecchia data. Sembra che gli inglesi siano stati arrestati separatamente e che niente sia stato dato in cambio del loro rilascio, se non delle scuse. Non è chiaro se i 5 siano imprenditori o altro, l’ufficio degli esteri si limita a definire il loro viaggio come “un errore”, facendosi garante del futuro impegno da parte dei britannici a non ripetere i comportamenti apparentemente sbagliati e per i quali gli uomini sono stati arrestati in Afghanistan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Zelensky: “In corso negoziati difficili per sbloccare i porti, così la crisi alimentare continuerà” – Video

next
Articolo Successivo

Il principe William compie 40 anni: sui social è il ritratto della felicità, ma non è tutto rose e fiori

next